Patrizia Ottaviani

I miei quadri sono lavorati per stratificazioni con la tecnica dell’olio

e spesso l’utilizzo della foglia d’oro, ogni quadro segue i ritmi della lavorazione,
dell’asciugatura e dell’elaborazione in continui passaggi a tempi generalmente lunghi,
fino ad arrivare ad ottenere una profondità e una forza nei contrasti luce-ombra-materia.

Il lavoro di pittrice è il fondamento della mia ricerca che cerca nella libertà espressiva un varco aperto all'immaginazione dove fluiscono figure femminili liberate dai modelli attuali e ricondotte ad una loro sacralità.

Un movimento in avanti, un salto verso un futuro che sa anche di ritorno alle origini,
una metamorfosi dell'intero genere umano...

Il lavoro pittorico di rappresentare forme ed emozioni è un lavoro arduo e duro,
fatto di slanci e cadute, come inabissarsi continuamente in un oceano e cercare di riprendere fiato,
mentre la vita quotidiana ti ruota intorno e ti richiede presenza.

La mia pittura trova impulso in simboli,archetipi,
corpi come veicoli dell’Anima ed una continua ricerca di esperienza mistica.

Ogni quadro è rappresentazione del lavoro
"dentro-fuori"

Come se ogni quadro fosse e lo è un emozione, un archetipo,
il tassello di un grande puzzle o meglio di una grande costellazione di sentimenti umani
che umilmente si rivolgono ad una sfera superiore che dia un significato più profondo alla nostra vita.

...un corpo immaginale, sottile, sboccia nel soffio dell'anima, e a partire da esso ogni cosa ha figura, forma, volto, spezzando il cerchio di rarefatta solitudine dell'intelletto.

(da "Anima" - riflessioni sul pensiero di Corbin e Hillman)